Abbattimento dei Costi per l’Evasione degli Ordini: Alcuni Insights

May 17, 2022

Abbattimento dei Costi per l’Evasione degli Ordini: Alcuni Insights

Un caso studio: Rendere più efficace la logistica può contribuire notevolmente ad abbattere i costi

Logistica

Projects

Introduzione

Rendere più efficace la logistica può contribuire notevolmente ad abbattere i costi

L’ottimizzazione della logistica è una fase generalmente trascurata da molte aziende, che spesso preferiscono investire maggiori capitali nel customer management e in metodologie per acquisire nuovi clienti.

Ma una logistica aziendale in buona salute è determinante per mantenere alta la qualità del servizio e rimanere pertanto competitivi sul mercato. Non solo. È importante rendere ogni step più fluido possibile al fine di mantenere bassi i costi e aumentare la redditività.

Spesso anche la fase presumibilmente più banale, in presenza di falle tecniche e operative, può influire negativamente sull’intera distribuzione, rallentando i processi e portando infine l’impresa a registrare costi troppo alti.

Se si ha intenzione di sofisticare la propria logistica e ottenere un grado di efficienza più elevato, è raccomandato applicare alcune strategie finalizzate all’abbattimento dei suddetti costi. Se è vero che ogni azienda presenta la sua operatività, i suoi asset e la sua struttura peculiare, è altrettanto fattuale che ad oggi nessuna realtà può prescindere da alcune misure fondamentali, quali l’integrazione di nuove tecnologie e la digitalizzazione di quelle oramai obsolete.

Case Study

JSB Solutions ha recentemente collaborato con un’azienda del settore farmaceutico che ha scelto di affidarsi a un terzista per l’evasione degli ordini. 

Il motivo di questa scelta sembrava essere un magazzino sostanzialmente molto limitato, con all’interno quattro operatori che si occupavano dell’evasione di ordini farmacia e grossisti, ma impossibilitati a completare ordini grossisti di grandi volumi.

L’analisi del funzionamento della supply chain ha tuttavia riscontrato un evidente misalignment del prodotto finito nell’area picking, una condizione che costringeva gli operatori ad allungare tempi logistici al fine di recuperarlo e avviare la spedizione.

Tale circostanza ha pregiudicato la buona riuscita di molte operazioni e portato a una sostanziale lievitazione dei costi, che sono aumentati come naturale conseguenza dell’impiego di maggiori risorse e dell’insoddisfazione del cliente.

Potenziali misure applicabili

Gli interventi che possiamo attuare possono apportare cambiamenti al proprio modello operativo o agli asset specifici di cui usufruiamo, ma ogni caso gli obiettivi saranno sempre tre: 

• L’automatizzazione, dove possibile, dei processi manuali;

• La semplificazione dei processi (tramite inserimento di risorse mancanti);

• La rimozione di passaggi altamente sconvenienti in termini di timing (tramite la sostituzione delle risorse “rallentanti” con altre che consentano di risparmiare tempo). 

L’inserimento di tecnologie emergenti (o già consolidate) è una strategia che consente di centrare tutti e tre gli obiettivi. Gli strumenti telematici come smartphones, tablet e computer portatili all’interno di magazzini talvolta possono bastare a spostare gli equilibri, in quanto rafforzano la comunicazione e lo scambio di informazioni cruciali con i reparti interni, permettendo agli operatori di interfacciarsi con i gestionali che vengono utilizzati. Al fine di sfruttarne appieno il potenziale, i device dovrebbero essere integrati con tecnologie bridge per la trasmissione istantanea dei dati.

Un investimento decisivo, inoltre, su alcuni asset fissi può realisticamente portare a una svolta operativa, laddove la loro mancanza incida molto sul rallentamento della catena. Prima di investire su un asset fisso, che spesso presenta dei costi elevati, occorre tuttavia individuare a quale utilizzo dovrebbero essere destinati e come verrebbero impiegati. Un asset fisso può essere un veicolo, un macchinario o un’attrezzatura specializzata, ma anche una struttura poco complessa come una fornitura.

I risultati dell’applicazione di misure efficienti

Nel caso in questione si è applicata una duplice soluzione:

• Un investimento per l’acquisto di un pacchetto di palmari che mettano in comunicazione gli operatori con il gestionale, in modo da garantire la generazione delle bolle direttamente attraverso l’impiego di tecnologia bar code;

• L’acquisto di un tavolo destinato all’area picking, a cui è stata riservata una posizione strategica per l’attività di smistamento in attesa dell’imminente imballaggio.

La spesa totale per l’inserimento di queste nuove risorse è stata di circa 4.000 euro.

Il magazzino è riuscito ad incrementare del 40% l’evasione degli ordini totale, tra cui si registra un aumento degli ordini grossisti con grossi volumi che venivano evasi dal terzista, il cui operato adesso non è più necessario. A fronte di un investimento di appena 4000 €, l’azienda ha ottenuto un saving pari a 25.000 € già nella prima annualità.

Se consideriamo il grado di complessità molto contenuto di questa manovra, realizziamo come l’attuazione degli interventi necessari sia spesso una questione di negligenza o di mancato assorbimento di alcune informazioni dalle quali oggi la logistica non può assolutamente prescindere.

Scopri di più

Vai al case study