Martina Giorgio Gaggia

Il mio percorso universitario in CTF e un Master in Direzione Medica mi hanno permesso di iniziare la mia esperienza professionale come QA Operations in un’azienda farmaceutica di prodotti sterili e di arrivare a ricoprire l’attuale ruolo di Clinical Quality Assurance Specialist in JSB Solutions.

MEET MARTINA

LA MIA STORIA IN JSB

Il mio percorso in JSB è stato in continua evoluzione: sono entrata in azienda nel 2015 come QA Consultant ma ho iniziato a collaborare anche a progetti di convalida e progetti in ambito regolatorio. Dopo essermi confrontata con diverse aree aziendali e aver acquisito conoscenze anche distanti dal mio percorso formativo mi sono affacciata al mondo della ricerca clinica diventando Clinical Quality Assurance Specialist nel 2019.

Posso dire che la mia esperienza in quest’area è iniziata proprio con la nascita della CRO (Contract Research Organization) in azienda nel 2016. In due anni sono cresciuta insieme a questa divisione, arrivando a ricoprire sempre maggiori responsabilità a supporto di attività di Project Management, Data Management e Farmacovigilanza. Nelle mie attività quotidiane rientrano la scrittura di procedure, la revisione di documenti di natura clinica e Quality check di archivi di studio. Progetti che gestisco in completa autonomia o coordinando il lavoro di altre persone.

Costanza e flessibilità sono gli aggettivi che userei per descrivere il mio percorso in JSB. La costanza di perseguire gli obiettivi prefissati a livello personale e aziendale e la flessibilità di adattarmi a situazioni diverse che hanno aumentato le mie competenze.

MOTIVI PER ESSERE ORGOGLIOSI

La contaminazione tra settori diversi e il non rimanere mai fermi al proprio ambito di interesse ma interfacciarsi con realtà e settori diversi è il miglior modo per crescere all’interno di un’azienda. Questa è la caratteristica che più ritrovo in JSB ed è uno dei motivi per cui mi sento partecipe nel lavoro quotidiano di questa azienda.

SUGGERISCI UN LIBRO

Inferno di Dan Brown: lo consiglio perché fa capire che spesso la via più giusta non è la più comoda e convenzionale.