Valerio-Pecoraro-eLearning-Content-and-Instructional-DesignerLa prima di una serie di interviste che vi faranno scoprire più a fondo i membri del nostro team.

Valerio Pecoraro, e-Learning Project Specialist, ci parla di se e della sua esperienza in JSB.

Descrivi te stesso con un’esperienza personale o professionale che ritieni possa rappresentare la tua personalità.

Data la mia esperienza come economista, induco spesso me stesso a raffigurare la realtà con il metodo meno costoso legato alla mia disponibilità cognitiva. Inoltre, la filosofia medioevale mi consente di disegnare e costruire un mondo fatto per realizzare i miei sogni e le mie ambizioni. Non sono infatti disposto a considerare che il mondo in cui viviamo sia il migliore e l’unico possibile.

Tutto questo mi aiuta a realizzare progetti di qualità nel mio lavoro basati sull’uso delle informazioni, elaborate attraverso la logica e capacità analitiche. Solitamente cerco di scomporre problemi complessi in parti e di considerare i risultati dei diversi corsi d’azione. Cerco di trarre conclusioni affidabili da fonti di dati disparate e spesso contrastanti; questo mi aiuta anche a prendere decisioni corrette in modo tempestivo.

Qual è il tuo ruolo in JSB e perché sei orgoglioso di essere parte del team JSB Solutions?

In JSB lavoro come e-Learning Project Specialist. Questo è un ambito in cui mi trovo a studiare costantemente e ad avere una grande varietà di cose da fare. Utilizzo abilità molto diverse (scrittura, web design, grafica, collaborazione e pianificazione), in aggiunta alla conoscenza dei contenuti dei corsi che realizzo.

Sono orgoglioso di lavorare in un ambiente come JSB perché sono connesso con persone che in molti casi la pensavo in modo diverso dal mio. Anche se abbiamo idee contrastanti per le quali discutiamo questo mi aiuta a ad avere prospettive diverse in merito a uno stesso argomento. A volte trovo anche dei preziosi collaboratori che mi seguono nei progetti. In entrambi i casi, JSB mi da l’opportunità di mettere in discussione in ogni momento le mie certezze.

Che libro consiglieresti di leggere e perché?

Ci sono tanti libri da leggere che coinvolgono e catturano sin dalla prima pagina e che vorremmo condividere con altre persone. Personalmente suggerirei “La Guerra del Peloponneso” di Tucidide che non è così lontana da noi. Questo libro può diventare un vero e proprio training che dà forma alle esperienze future, proponendo modelli, termini di comparazione, schemi di classificazione, paradigmi di bellezza: cose molto attuali anche se il libro è stato scritto molto tempo fa. In una parola posso definire questo libro come vivo.