Più di 60 persone davanti al Duomo di Firenze, aspettando che iniziasse l’ultimo appuntamento di questa stagione con i Sabati della Bellezza. Un pomeriggio davvero speciale che ha rappresentato alla perfezione il claim della nostra campagna “Tra Arte e Scienza, Terra e Cielo”, mostrando a tutti i partecipanti le opere del Vasari e di Zuccari, il metodo innovativo con cui Brunelleschi ha costruito la Cupola, e la salita dalla terra al cielo, dal Duomo alla Cupola.

Dopo una breve visita all’interno della Cattedrale di Santa Maria del Fiore il gruppo ha iniziato il percorso durato 463 scalini verso la più grande Cupola in muratura mai costruita. Alcune fermate durante il tragitto hanno permesso di osservare da vicino gli stupendi affreschi di Vasari e Zuccari, i colorati mosaici e il pavimento decorato del Duomo di Firenze. E le nozioni acquisite durante la lezione del Prof. Conti “La Cupola del Brunelleschi tra geometria e curiosità” e le informazioni che hanno saputo raccontare le guide durante la visita, hanno permesso a tutte le persone presenti di capire meglio le ingegnose e innovative soluzioni che Brunelleschi ha adottato per costruire questo straordinario esempio di bellezza e ingegneria.

Arrivati al punto più alto della Cupola la vista era una perfetta cartolina di Firenze. I Giardini di Boboli, il Campanile di Giotto, la Sinagoga, Palazzo Vecchio e tutti i simboli della città di Firenze in un unico paesaggio. La Cupola del Brunelleschi è il perfetto esempio per descrivere la bellezza in tutte le sue forme e per concludere questa stagione con i Sabati della Bellezza.

Grazie al numero molto elevato di partecipazioni la visita si ripeterà anche sabato 25 novembre